Prenotazione Sicura
Verifica la disponibilità di camere, tariffe e prenota online
Miglior Prezzo Garantito Modifica/Cancella Prenotazioni Informazioni protette con certificato SSL

Il Tempio di Antas

Il Tempio di Antas Il tempio risale al 500 a.C. circa ed era dedicato a Sid Addir. Inizialmente doveva trattarsi di un semplice sacello rettangolare, all'incirca di 9 metri per 18, accessibile dal lato sud-orientale. Intorno al 300 a. C. il tempio fu ampiamente ristrutturato, secondo modelli punico-ellenistici. La decorazione esterna fu quella più coinvolta dalle modifiche. Tra 27 a. C. - 14 d. C. il tempio venne la ricostruito secondo lo stile romano-italico, ma soltanto intorno al 213-217 d.C. durante il regno di Caracalla assunse la fisionomia che oggi possiamo osservare.

Gli elementi ereditati dai fenicio-punici sono numerosi, nella planimetria e nella decorazione. Un'alta gradinata porta a uno spazio delimitato da 4 colonne: è l' ingresso alla cella, l'ambiente più sacro del tempio. Il pavimento della cella è decorato con un mosaico, mentre le pareti, un tempo, erano decorate da pilastri. Sul fondo della cella si aprono due ingressi: conducono alla parte più segreta del tempio, il penetrale, di tradizione punica. Ciascun ingresso è preceduto da due vaschette che i romani usavano per rituali purificatori. Nel penetrale a destra è stato ricollocato un altare. Le colonne che corrono attorno al tempio rimandano alla tradizione fenicia: sono di ordine ionico e il fusto è liscio. Intorno al tempio gli archeologi hanno trovato un gran numero di reperti: ceramiche, monili, e soprattutto un gran numero di epigrafi (iscrizioni su pietra).

Valid XHTML 1.0 Strict

Abbiamo fatto il possibile per rendere questa pagina accessibile
secondo le linee guida WCAG 1.0 al livello AAA.